Vangelo di oggi

Categoria: Non categorizzato
Pubblicato Martedì, 16 Aprile 2013 09:26
Scritto da Super User
Visite: 10851

1 giugno - Gv 19,25-34

Maria Madre della Chiesa

 25 Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. 26 Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». 27 Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell'ora il discepolo l'accolse con sé. 28 Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse: «Ho sete». 29 Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca.  30 Dopo aver preso l'aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito. 31 Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato - era infatti un giorno solenne quel sabato -, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. 32 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all'uno e all'altro che erano stati crocifissi insieme con lui. 33 Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, 34 ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. 

 25 Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala.

 Le donne accanto a Gesù nell’ora della morte sono quattro, come quattro erano i soldati. Tra le donne prima è la madre di Gesù. Giovanni l’ha ricordata solo nell’episodio delle nozze di Cana (2,1-5) e non ne indica mai il nome. Vi è poi la sorella di sua madre, di cui non sappiamo niente. Terza è Maria madre (alcuni testi dicono moglie) di Cleopa, forse uno dei due discepoli di Emmaus (Lc 24,18). Infine abbiamo Maria di Magdala, a cui Giovanni attribuisce un ruolo importante la mattina di Pasqua (Gv 20,1-18), ma che non ricorda mai prima di questo passo. La conosciamo grazie agli altri Vangeli.

  26 Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!».

 Personaggio principale è però la madre di Gesù e accanto a lei compare un altro personaggio chiave, il discepolo che egli amava. Di costui si comincia a parlare nel capitolo 13 durante l’ultima cena. Il gesto di Gesù è ovvio: prima di morire vuole assicurare alla madre un sostegno, affidandola al Discepolo. La leggenda secondo la quale Maria avrebbe seguito l’apostolo Giovanni fino all’Asia Minore riflette questa comprensione del testo.

  27 Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell'ora il discepolo l'accolse con sé.

 Due elementi mettono in forte relazione questo testo con quello delle nozze di Cana: la presenza di Maria, chiamata Donna, e il riferimento all’ora. Là non era ancora giunta l’ora. Qui si compie. La figura di Maria in questo contesto si è prestata a numerose interpretazioni. Si può dire che rappresenta Israele, il popolo che attendeva l’intervento salvifico di Dio. Il discepolo prediletto invece è Giovanni, il depositario della Rivelazione. Gesù affida dunque Israele all’evangelista, al testimone veritiero, il depositario della Parola rivelata.

  28 Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse: «Ho sete».

 Questo versetto ci conferma che Gesù ha vissuto la sua Passione con piena consapevolezza, quasi guidandola da regista. Tutto è compiuto, ma c’è ancora qualcosa da compiere per portare a compimento la Scrittura. La frase è ridondante e attira l’attenzione su questo compimento. Egli dice “Ho sete”, cosa ovvia in una persona che sta per morire in quelle condizioni, ma ci riporta al Sal 69,22 “quando avevo sete mi hanno dato da bere aceto”. Si tratta dell’ultima delle prove a cui secondo l’Antico Testamento viene sottoposto il Giusto Servo di Dio. Gesù fino all’ultimo respiro vuole compiere la volontà del Padre.

  29 Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca.  

 Il gesto dei soldati non è derisorio come nei Sinottici. Stranamente si trovava nei pressi della croce un vaso di aceto.

  30 Dopo aver preso l'aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito.

 Compiuta anche l’ultima profezia Gesù dice “E’ compiuto”. La sua missione è stata portata a termine. Il termine è quello di Gn 2,2. Ci riporta all’opera della creazione. Gesù con la sua morte ha portato a termine la nuova creazione, il dono della comunione divina fatto agli uomini. Gesù china il capo ed emette lo spirito. Si tratta di un atto posto deliberatamente. Gesù rimane attivo anche nel suo morire. Egli realizza così ciò che aveva detto di sé nel discorso del Buon Pastore: “Nessuno mi toglie la vita, ma io la depongo da me stesso Ho il potere di deporla e ho il potere di riprenderla” (Gv 10,18). Lo spirito che consegna è lo spirito vitale, ma i lettori credenti vi possono leggere un’anticipazione del dono dello Spirito Santo.

 31 Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato - era infatti un giorno solenne quel sabato -, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via.

 Soggetto di questo versetto sono i Giudei, cioè i sommi sacerdoti, i principali responsabili della morte di Gesù. Il popolo di Israele per la sua sensibilità non sopportava l’uso romano secondo il quale i crocifissi restavano esposti allo sguardo dei passanti per parecchi giorni dopo la loro morte. La legge di Mosè ordinava di seppellire i cadaveri prima di sera, perché la maledizione che li aveva colpiti non contaminasse il paese di Israele (Dt 21,22). Giovanni motiva la richiesta delle autorità giudaiche con la coincidenza con il giorno della Parasceve cioè il venerdì vigilia della Pasqua. Da questa indicazione sappiamo che Gesù fu condannato in giorno il 14 di Nisan, venerdì. Per portare via i corpi dei condannati era necessario fossero morti, per cui i Giudei chiesero che fosse loro inflitto il crurifragium, una pena supplementare che non era sempre applicata. Per accelerare la morte per soffocamento dei condannati venivano spezzate loro le gambe con delle sbarre di ferro.

  32 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all'uno e all'altro che erano stati crocifissi insieme con lui. 33 Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe,

 Gesù era nel mezzo dei tre patiboli, ma i soldati si dedicano prima ai suoi due compagni di sventura. Questo prepara l’attesa a ciò che accadrà al corpo di Gesù.

  34 ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua.

 Questo soldato è stato chiamato dalla tradizione Longino, da logkhé: lancia. Egli colpì con la lancia il fianco destro di Gesù, non per dargli il colpo di grazia, ma per assicurarsi della sua morte. Giovanni non specifica se si trattasse del fianco destro o sinistro. La tradizione ha privilegiato il fianco destro rifacendosi a Ez 47,1 cioè alla simbologia dell’acqua che esce dal tempio dal lato destro. E’ attestato che i Romani portavano il colpo mortale al cuore introducendo la lancia in modo trasversale a partire da destra. I medici ritengono che in questo modo la lancia raggiungesse esattamente il cuore. L’esito di questo colpo è lo sgorgare di sangue e acqua. Il verbo sgorgare (exelthen) è lo stesso che si trova nella profezia di Ezechiele (47,1) in cui l’acqua esce dal tempio. Questo dà l’idea di una fonte nascosta che sgorga da Gesù.

  

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su " Leggi l'informativa ".
Chiudendo, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.