Vangelo di oggi

28 febbraio  - Mt 9,14-15

14 Allora gli si avvicinarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». 15 E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno. 

 14 Allora gli si avvicinarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?».

Entra in scena un altro gruppo di persone per cui il comportamento di Gesù solleva dubbi. La questione riguarda il digiuno, si tratta qui di un digiuno privato intrapreso per motivi devozionali. Secondo la Didaché 8,1 gli “ipocriti” (così chiama i giudei) digiunano il lunedì e il giovedì, perciò i cristiani dovrebbero digiunare il mercoledì e il venerdì. I discepoli di Gesù dunque non digiunavano se non nel giorno solenne dedicato all’Espiazione (vedi Lv 16,31-34) o nei giorni di digiuno pubblico proclamati in tempi di emergenza nazionale. Gesù viene accusato di non aver istruito i suoi discepoli a osservare una disciplina che prevedesse anche il digiuno in tempi stabiliti.

 15 E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno.

Gli invitati a nozze vengono chiamati in greco “i figli della camera nuziale”, ciò esprime l’intimità degli invitati con coloro che celebrano le nozze, la gioia che insieme condividono per questo momento importante della vita di due dei loro amici e congiunti. Questa situazione non ammette segni di lutto, dei quali fa parte il digiuno. Con la morte di Gesù diventerà opportuno per i cristiani digiunare e a quanto pare la comunità di Matteo lo faceva.

Joomla templates by a4joomla
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su " Leggi l'informativa ".
Chiudendo, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.